Articoli Cinema

,

Venerdì 15/12 | Ore 21:00
Sabato 16/12 | Ore 18:00
Domenica 17/12 | Ore 16:00 e 21:00
Sabato 23/12 | Ore 21:00
Domenica 24/12 | Ore 16:00
Martedì 26/12 | Ore 16:00 e 21:00

STAR WARS – GLI ULTIMI JEDI

Genere: fantascienza, avventura, azione | Diretto da: Rian Johnson, Mark Hamill, Carrie Fisher | Durata 152 minuti

ATTENZIONE, SPETTACOLO DI SABATO 16/12 ANTICIPATO ALLE ORE 18:00!!!

Dopo aver mosso i primi passi in Il Risveglio della Forza, la coraggiosa Rey (Daisy Ridley) prende in mano le redini del suo destino nel secondo capitolo della nuova trilogia ambientata trent’anni dopo Il Ritorno dello Jedi, Star Wars: Gli ultimi Jedi.
La Forza scorre nella giovane mercante di rottami, ma ha bisogno di un maestro che le insegni a controllarla. Rivelata la mappa che traccia la rotta per il nascondiglio segreto di Luke Skywalker (Mark Hamill), la ragazza attraversa l’universo fino al pianeta sperduto dove il cavaliere jedi si è ritirato in esilio volontario. Si inerpica lungo sentieri impervi, perlustra gli angoli più selvaggi dell’isola per incrociare lo sguardo del leggendario guerriero che ha combattuto e sconfitto l’Impero, e porgergli la vecchia spada laser appartenuta alla sua famiglia. Il gesto significativo riprende ed eguaglia il passaggio di testimone avvenuto nel corso della saga, nella quale l’allievo assume infine il ruolo di mentore. Intuitiva e tenace, Rey è la capofila delle nuove leve Jedi, pronta a contrastare le forze del sinistro Primo Ordine, in aiuto della Resistenza. Accanto a lei ritornano l’ex assaltatore Finn (John Boyega), il pilota di X-wing Poe Dameron (Oscar Isaac), l’occhialuta aliena Maz Kanata (Lupita Nyong’o tramite performance capture) e il Generale Leia Organa (nell’ultima interpretazione di Carrie Fisher). Tra i servitori del Lato Oscuro, con il volto sfregiato dall’ultimo scontro con Rey, ritroviamo Kylo Ren (Adam Driver), influenzato dalla misteriosa figura del Leader Supremo Snoke (Andy Serkis tramite performance capture).
Diretto dal fan della trilogia originale, Rian Johnson, nell’Episodio VIII J.J. Abrams torna in veste di produttore esecutivo.

Una lettura pastorale di The last Jedi

“Dove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la Grazia” (Rm 5,20), così scriveva San Paolo ai romani comunicando la novità strabiliante del Vangelo di Gesù. Notte e giorno, buio e luce, peccato e Grazia, la vita del cristiano non è quella di un perfezionista che non sbaglia mai; paradossalmente è proprio nel lato oscuro di una vita che gioca al ribasso, votata al compromesso e non libera, che si manifesta la strada della pienezza in Cristo Gesù. Questa è la condizione di noi tutti.

“L’oscurità cresce e la luce con essa”, da quale pulpito! E’ proprio il male incarnato, il signore dell’oscurità, il leader supremo Snoke, il più cruento villain della saga di Star Wars a comunicare inconsapevolmente, che il male non è mai l’ultima parola. Anche il più recente episodio, The Last Jedi, si presenta come qualcosa di più che un film da citazioni per nerd, anzi, come tutta la saga, ci fa riflettere sulla vita e il senso ultimo del nostro esistere.

A volte, infatti, basta lasciarsi andare alla visione di un film che ci appassioni per aprire il vaso di Pandora di mille domande che ci interrogano, anche se siamo felici o almeno diciamo di esserlo. La sete di vita, la sete di Dio che ci contraddistingue come suoi figli, ci fa commuovere di fronte a una scena che parla di eternità, probabilmente perché quell’eternità è anche casa nostra. Cosa ci facciamo su questo pianeta? Perché abbiamo questo corpo e non un altro? E così le domande corrono veloci, coinvolgendo affetti, relazioni, passioni e aspettative. Luke Skywalker, finalmente rintracciato da un’entusiasta Rey, pone la stessa domanda alla ragazza, la quale, imbarazzata e commossa per una richiesta che spesso ha risuonato dentro di lei, confessa “sono qui per qualcosa che c’è sempre stato e mi fa paura”. Dio convive con tutto questo, con le cose più intime che magari non raccontiamo a nessuno, ci conosce nel segreto di tutto il bello e il brutto che ci appartiene. Non si vergogna di noi e non ci accusa, ma vuole che di tutto questo non facciamo un terreno sterile. Come possiamo d’altronde tenere per noi il bene che abbiamo ricevuto, i doni, i talenti, le passioni e infine la Grazia che ogni giorno accogliamo? Se veramente le domande bruciano nel cuore, allora è arrivato il momento di cercare qualcuno che ci mostri il nostro posto. Rey è l’icona della ricerca della verità: corre, si arrampica, scala e grida per invocare un aiuto da Luke, l’unico che poteva risolvere la domanda che le bruciava dentro, cioè come vivere in pienezza per non cadere nelle trame della tenebra.

Questa scalata verso la verità non esime nessuno dalla fatica, d’altro canto è molto più facile e confortevole vivere senza un ideale, credere che la vita sia una semplice successione di istanti senza senso. Chi ha visto il film si sarà senz’altro stupito dell’innesto del curioso hacker balbuziente DJ, interpretato da Benicio del Toro che, con un’occupazione che di certo non brilla per iniziativa, invita a vivere una libertà falsa, una menzogna: “vivi libero, non schierarti!”. La libertà è invece prendere parte, schierarsi, metterci la faccia e correre per far emergere le proprie domande. Significa cioè desumere dagli insegnamenti di Luke che “nessuno è mai davvero perduto”, a patto di realizzare che non siamo noi a darci la felicità, essa è una vocazione donata, è chiamata alla libertà. E’, in ultima analisi, accettare e vivere quella Grazia di vita che riceviamo con predilezione. Gesù nel Vangelo dice “Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi” (Gv 15,16), d’altronde quale libertà cercheremmo al di qua delle nostre aspirazioni? Siamo chiamati a una vocazione alta, che parla dentro di noi, ma non siamo noi a parlare.

La Forza dell’universo Star Wars è la Grazia dei figli di Dio, l’azione dello Spirito dentro ogni uomo “che intercede per noi con gemiti inesprimibili”(Rm 8,26), è lo Spirito a portare la vita e a renderci testimoni di Gesù. “Avrete Forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra” (At 1,8), il Signore ci invita a seguirlo con tutto noi stessi, senza risparmiarci, consapevoli che non siamo soli. La stessa Rey ha bisogno dell’aiuto di Luke per vedere dentro di sé la vera natura della Forza, che non è coercitiva, non impone rigidi dettami, ma solo a uno sguardo finalmente profondo si rivela come “equilibrio e vita”. Vivere nella Forza dello Spirito è dunque la vocazione di ogni cristiano, per guardare con sincerità alla propria vita e anche al proprio passato che può essere ferito da peccati altrui, macchiato dal lato oscuro di scelte sbagliate. Tuttavia Colui che è venuto per i peccatori ci viene a incontrare proprio in questo fondo oscuro dove invece il tentatore, come Kylo Ren, invita Rey a distruggere il suo passato per diventare ciò che vuole. “Tu vieni da niente, sei niente!”, bella tentazione! Davvero acuta, effettivamente cosa potrebbe guastare maggiormente una così alta speranza che abbiamo per essere figli di Dio, se non la negazione della nostra trascendenza? Viviamo dunque da figli di Dio quali siamo! Kylo Ren è esattamente la personificazione di questo rifiuto della Grazia. Non un cattivo deciso, spietato, il classico villain, ma al contrario: un indeciso, un ignavo, incapace di prendere parte, di schierarsi. E infatti il lato oscuro prende parte al suo posto, lo indirizza, lo giudica (“Sei solo un ragazzino con una maschera!”), e infine lo governa. La forza della vocazione cristiana, che è vocazione alla santità e alla vita, è quindi dentro di noi, è una proposta che attende solo la nostra fiducia oltre ogni caduta o debolezza. Sarà l’apparizione chiave del mitico maestro Yoda a incoraggiarci su questo – “il più grande maestro, il fallimento è!” – ovvero come direbbe ancora Paolo “quando sono debole allora sono forte” (2Cor 12,10) grazie a Gesù che ha già vinto per noi la morte, la disperazione, il vuoto, la depressione, l’oscurità.

Cos’è dunque la fede? E’ accettare questa proposta di salvezza in libertà e fiducia, è gettare le armi con cui ci siamo difesi da sempre, è comunicare a chi ci è accanto il senso più profondo della vita. Allora la conversione, la testimonianza, la fede, tematiche che, in un’ottica cristiana, ritroviamo in questo episodio come in tutta la saga di Star Wars, sono chiamate a rapporto in quella che forse è la scena più significativa del film. Mentre Kylo Ren si lascia possedere dal lato oscuro, e continua a usare la Forza per costringere ed opprimere gli altri, Rey con la stessa Forza, solleva le pietre di un tumulo di morte per liberare i suoi amici. Il tutto è rappresentato in un’affascinante simbologia pasquale in cui Cristo, Colui che ha vinto la morte e ci dona la Forza, continua a risorgere in ogni nostro gesto di sacrificio, di amore e di fraternità.

L’Ep. VIII della saga creata da Lucas sancisce un punto a capo

Dopo la morte di Han Solo, la principessa Leia continua a comandare la lotta della Resistenza contro l’Impero e la giovane Rey vola sull’isola ove Luke Skywalker si è rifugiato in totale isolamento. Nel frattempo Kylo Ren – Ben Solo mostra i suoi sentimenti contraddittori verso la Forza Oscura e quella Buona verso le quali è incoraggiato rispettivamente dal grande imperatore e dal proprio DNA, quello appunto di Leia e di Han Solo. Sul fronte dei ribelli, infine, Finn e Rose Tico (nuovo personaggio) vanno alla ricerca di “apricodici” nell’attesa di uno scontro finale ove tutti i personaggi si incontreranno in uno scenario esplosivamente epico. 

In una galassia lontana lontana.. L’incipit come garanzia di appartenenza non mente: così l’VIII episodio – il secondo della trilogia sequel – di Star Wars definisce ancora una volta ed inequivocabilmente la propria aderenza partecipativa alla saga più iconica del cinema di fantascienza, e lo fa con la non facile rinuncia a delle scelte che oggi apparirebbero più cool se non attuali. L’impressione offerta dalla visone de Gli ultimi Jedi è difatti essenzialmente quella di un’opera volutamente artigianale, quasi “grezza” fra rughe e difetti, beffando opzioni di esaltazione tecnica audiovisiva altrimenti assicurate. Questo non significa che la tecnologia utilizzata (peraltro in 3D) non sia di estrema avanguardia ma semplicemente che sia funzionale a una resa quasi antica. Partendo da questo assunto squisitamente estetico si erge l’edificio etico della creatura di George Lucas, saga intimamente famigliar-romantica posizionata nell’outer space & outer time. 

Al timone di questa “terra di mezzo” fra il primo film della trilogia diretto da J. J. Abrahams e il gran finale (forse) dell’intero franchise è Rian Johnson, un autore indie e spurio (è anche musicista)  ed è probabile sia stato designato per continuare la vivacità narrativa e drammaturgica impostate dal più blasonato collega. Il problema è che Johnson, che de Gli ultimi Jedi è anche sceneggiatore, sembra qui travolto da una regia timorosa, quasi reverenziale rispetto ai magistrali predecessori, Lucas in primis. Il risultato è un’opera che alterna buone se non ottime trovate a momenti anonimi, quasi bidimensionali in termini sia di scrittura che di psicologia dei personaggi. Se gli animaletti assai Disney-style dilettano lo spettatore, i character (specie i giovani, destinati ad assumere il ruolo di reali e unici protagonisti nel prossimo episodio) mantengono una severa seriosi laddove spesso sarebbe evitabile, con pochi e appannaggio solo di alcuni, acuti d’ironia. Detto questo, la battuta facile non manca in Ep. VIII ma poche tracce lascia nella memoria dello spettatore, certamente più raccolto attorno ai grandi “vecchi” Luke Skywalker/Mark Hamill e soprattutto alla compianta Carrie Fisher nella sua ultima apparizione sul grande schermo nei panni dell’indimenticabile principessa Leia.

,

Giovedì 07/12 | Ore 21:00
Venerdì 08/12 | Ore 21:00
Sabato 09/12 | Ore 21:00
Domenica 10/12 | Ore 16:00 e 21:00

ASSASSINIO SULL’ORIENT EXPRESS

Regia di Kenneth Branagh. Un film con Kenneth Branagh, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp, Josh Gad.
Genere Drammatico – USA, 2017, durata 114 minuti.

Dopo lo scioccante omicidio di un ricco uomo d’affari sullo sfarzoso treno che sfreccia attraverso l’Europa nel cuore dell’inverno, Poirot deve ricorrere a tutta la sua abilità per scoprire chi nel gruppo eterogeneo di passeggeri è l’assassino, prima che colpisca ancora.
Dai finestrini delle carrozze del Simplon Orient Express non si vede altro che neve, un’immensa distesa bianca che inonda i binari e arresta la corsa del treno diretto a Calais. La premessa della nuova versione cinematografica di Assassinio sull’Orient Express è quella tradizionale del giallo corale firmato da Agatha Christie negli anni trenta. Gli illustri passeggeri a bordo del convoglio, riuniti nel lussuoso vagone ristorante, apprendono che un atroce omicidio si è consumato durante la notte: un distinto gentiluomo americano di nome Ratchett (Johnny Depp) è stato pugnalato nel suo scompartimento. Tra i presenti si fa largo il sospetto che l’assassino, bloccato dalla neve, non abbia mai lasciato il treno e si nasconda ancora tra i viaggiatori dell’Orient Express. A orchestrare gli interrogatori, perquisire le valigie e le cabine, raccogliere indizi e calmare gli animi, interviene il miglior detective sulla piazza, per caso a bordo dello stesso treno, il carismatico Hercule Poirot (Kenneth Branagh). Il grassoccio investigatore belga nato dalla penna della Christie, ascolta uno dopo l’altro i reticenti testimoni, annuendo e arricciandosi i baffi a ogni menzogna o tentativo di sviare le indagini. Il suo intuito non lo tradisce mai e la soluzione del caso è più vicina di quanto non sembri.

,

Domenica 26/11 | Ore 16:00

CAPITAN MUTANDA

DATA USCITA: 01 novembre 2017; GENERE: Animazione, Azione, Commedia, Family; REGIA: David Soren
ATTORI: Kevin Hart, Ed Helms; PAESE: USA
DURATA: 89 Min; DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox

Basato sullo scalmanato personaggio ideato da Dav Pilkey negli anni novanta, Capitan Mutanda è il supereroe del quotidiano che mancava nel vasto panorama animato e non. Grassoccio, inetto, irrimediabilmente tonto, non perde mai l’esuberanza e il portamento snodato e disinvolto con cui affronta le sfide e i nemici immaginari. Ma il Signor Grugno (Ed Helms nella versione originale), l’alter ego del paladino in mutandoni bianchi, non è sempre stato così…
George Beard (Kevin Hart) e Harold Hutchins, età 10 anni, vengono convocati nell’ufficio del preside con l’accusa di “amicizia a delinquere”. Agli occhi dei due piccoli scavezzacollo, il direttore dell’istituto appare come un adulto isterico e noioso che, ossessionato dal dovere di applicare il rigido regolamento scolastico, ha dichiarato guerra alle risate e al divertimento. Ed è un problema visto che George e Harold, mini furfanti, hanno invece sposato la missione di ravvivare l’ambiente scolastico combinando uno scherzo dietro l’altro, dalle classiche bombe di vernice alle inedite tigri in corridoio. I due nemici naturali si scontrano in presidenza in una battaglia all’ultima nota di demerito, dalla quale, grazie a uno stratagemma ben congegnato, escono vittoriosi i due ragazzini: George usa il suo anello 3D per ipnotizzare l’insegnante e trasformarlo nell’eroe dei fumetti inventati da loro. Capitan Mutanda si sbarazza dell’inutile parrucchino, si avvolge nella tenda rossa e si fionda in strada verso incredibili, deliranti avventure.

,

Sabato 25/11 | Ore 21:00
Domenica 26/11 | Ore 21:00

THE PLACE

DATA USCITA: 09 novembre 2017; GENERE: Drammatico, Fantasy; REGIA: Paolo Genovese
ATTORI: Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Silvia D’amico, Vinicio Marchioni, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli, Giulia Lazzarini
PAESE: Italia; DURATA: 105 Min; DISTRIBUZIONE: Medusa Film

Ispirato alla serie tv americana “The Booth at the End”, The Place, il nuovo film di Paolo Genovese, volge lo sguardo su un misterioso protagonista, ospite abituale a abitudinario di un locale dove se ne sta seduto, giorno e notte, al tavolo in fondo. Chi è quell’uomo? Non è importante. Al suo tavolo riceve dei visitatori. Ognuno di loro ha un desiderio, un desiderio profondo, un desiderio difficile da realizzare, se non impossibile. L’uomo misterioso è pronto a esaudire le loro richieste in cambio di alcuni “compiti” da svolgere. Quanto saranno disposti a spingersi oltre i protagonisti per realizzare i loro desideri? Chi di loro accetterà la sfida lanciata dall’enigmatico individuo, per il quale tutto sembra possibile?
A sedersi di volta in volta davanti al personaggio interpretato da Valerio Mastandrea, troviamo quelli interpretati da Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Silvia D’Amico, Vinicio Marchioni, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli e Giulia Lazzarini.

Le infinite fragilità della natura umana.

Un misterioso uomo siede sempre allo stesso tavolo al fondo di un bar, dal mattino alla sera, intento a prendere appunti su un grosso quaderno di pelle nera e pronto a esaudire ogni desiderio di abituali visitatori in cambio di compiti da far loro svolgere, talvolta proibitivi sul piano pratico, spesso moralmente aberranti. Fino a che punto questi individui saranno disposti a spingersi per veder realizzati i loro desideri?

 

Un perno narrativo (il patto mefistofelico) di evidente derivazione faustiana. Un doloroso, variegato cahier de doléance (le sofferenze che spingono a desideri inconfessabili) ad incastro progressivo. Il caos esistenziale (il “diritto alla felicità” della società contemporanea) racchiuso in un metaforico (anti)purgatorio, al cospetto di una volontà superiore.

Non c’è dubbio che The Place, il nuovo film di Paolo Genovese, ispirato alla serie tv americana The Booth at the End, sia alimentato da un’ambiziosa corrente filosofico-antropologica. I nove individui che, alternandosi in un continuo via vai, chiedono aiuto al loro misterioso interlocutore, sedendogli di fronte, sono anime fragili, che The Place vorrebbe mettere a nudo nelle loro carenze e ossessioni: dal padre con bambino malato di cancro al meccanico invaghito di una starlette, dal poliziotto fallito all’anziana che chiede di far regredire l’Alzheimer del marito, dalla giovane suora che vorrebbe ritrovare Dio al cieco che vorrebbe ritrovare la vista, tutti (compresi una moglie che intende far ingelosire il marito, una ragazza che aspira alla bellezza assoluta e il figlio delinquente del poliziotto) accettano di sedersi su una sedia vuota che si fa sede di verifica etica e morale.

Il problema di The Place, però, è nell’artificialità della messa in scena, che fa ristagnare il film in una “bolla” che ingloba, facendoli evaporare, le alte intenzioni e gli estenuanti dialoghi. Un lungometraggio “atono”, quello di Genovese, che autoconfinandosi nella rigidità del campo/controcampo e nella ripetitività delle inquadrature esterne al bar, in una ciclica reiterazione dello stesso schema, si imprigiona in una staticità logistica e diegetica certamente voluta ma davvero sterile nella sua programmaticità. Scivolando solamente sulle ferite intime che introduce, lasciandole sempre lontane dagli occhi dello spettatore anziché penetrarvi dentro, come sarebbe invece necessario, The Place allinea senza un vero perché perfidie e arrendevolezze, sarcasmi e disincanti, riducendo la sua assurda giostra degli affanni in un esercizio di pura campionatura delle debolezze umane.

,

Sabato 18/11 | Ore 21:00
Domenica 19/11 | Ore 16:00 e 21:00

PADDINGTON 2

REGIA Paul King, DURATA 95 min

Ufficialmente trasferitosi nella mansarda di casa Brown a Windsor Gardens, Paddington (anche questa volta la voce italiana è quella di Francesco Mandelli) è diventato davvero popolare nel quartiere. E la notorietà dell’orso è destinata a crescere nel secondo capitolo delle sue avventure, Paddington 2.
In cerca del regalo perfetto per il centenario di zia Lucy, l’orsa che lo ha amorevolmente allevato nel “profondo e misterioso Perù”, l’orsetto ghiotto di marmellata si imbatte in un incantevole libro pop up, un esemplare unico scovato tra le meraviglie del negozietto di antiquariato del signor Gruber (Jim Broadbent). A corto di denaro, Paddington si rimbocca le maniche del cappottino blu, tira su la visiera floscia del cappello rosso e si cimenta in una serie di strambi lavoretti per racimolare la cifra necessaria. Ma quando il preziosissimo oggetto viene trafugato, tocca a Paddington e ai temerari componenti della famiglia Brown, capitanati da papà Henry (Hugh Bonneville) e mamma Mary (Sally Hawkins), acciuffare il ladro. I sospetti ricadono sull’attore narcisista Phoenix Buchanan (Hugh Grant).

Le nuove avventure dell’orso “londinese” uscito dalla penna di Michael Bond.

Zia Lucy compie 100 anni e Paddington non può scordarsi dell’amore che la vecchia orsa gli ha riservato da sempre, trovandolo e adottandolo da cucciolo. Decide pertanto di regalarle un antico libro pop- up con illustrazioni di Londra, la città che Zia Lucy ha sempre voluto visitare e dove ora Paddington vive. L’orsetto però non sa che quell’oggetto è desiderato anche da un famoso e malvagio attore che – nottetempo – lo ruba dal negozio di antiquariato dove è in vendita. Paddington e la famiglia Brown escogiteranno mille peripezie per ritrovare il libro e ristabilire l’ordine perduto.

Inevitabile sequel di un ricco botteghino (quasi 5milioni di euro, solo in Italia), Paddington 2 conferma la regia di Paul King e il cast principale aggiungendo alcuni grandi nomi dallo star system britannico, ovvero Hugh Grant e Brendan Gleeson in versione autoironica, a significare lo status elevatissimo al quale questa commedia-family-fantasy è considerata. D’altra parte in virtù della pregiata penna del compianto Michael Bond (da pochi mesi scomparso) era plausibile che il franchise proseguisse ad alti livelli. Se dunque il registro narrativo si mantiene sulla linearità del romanzo classico, con piacevoli incursioni nello humor britannico per ovvia appartenenza culturale (la città di Londra è celebrata come non mai..), l’approccio visivo riesce persino a migliorare rispetto al primo capitolo, osando alcune soluzioni scenografiche di buon effetto. Valori famigliari, onestà di comportamento, leggerezza di spirito e bontà d’animo (Paddington è per antonomasia l’orso capace di tirar fuori il meglio da ciascuno) restano al centro della tematizzazione di un film di ottima fattura e di piacevole fruizione “formato famiglia”.