,

SERGIO & SERGEI
– Martedì 20/11 | Ore 21:15

Genere commedia. Diretto da Ernesto Daranas, con Tomás Cao e Héctor Noas. Durata 93 minuti. Distribuito da Officine UBU.

Il regista di Condotta, Ernesto Daranas, torna dietro la macchina da presa per Sergio e Sergei, la storia di un’amicizia surreale, che trae ispirazione dall’incredibile storia vera di Sergei Krikalev, un cosmonauta partito dall’Unione Sovietica nel 18 maggio del 1991 alla volta della stazione orbitante Mir, che ritornò sulla terra il 25 marzo del 1992 trovando un nuovo Paese e una nuova bandiera.

Al termine della Guerra Fredda e dopo il crollo dell’URSS, le vite di due uomini separati da chilometri di distanza si incrociano inaspettatamente. Sergei (Héctor Noas), l’ultimo cosmonauta sovietico, è bloccato sulla stazione spaziale MIR, lontano dal suo paese e dalla sua famiglia. Nello stesso momento, in una Cuba politicamente dissestata, Sergio (Tomás Cao), professore di filosofia marxista e radioamatore, cerca di sopravvivere alla crisi producendo clandestinamente sigari e rum insieme all’anziana madre, mentre aiuta l’amico americano Peter(Ron Perlman) a scoprire come i vari governi Americani hanno manipolato il programma spaziale Apollo per i propri fini propagandistici.
Per un fortunato scherzo del destino, un giorno Sergio si mette in contatto radio con la Mir, facendo immediatamente amicizia con Sergei. Quando quest’ultimo si trova costretto a dover intraprendere una passeggiata nello spazio, per tentare di riparare i danni causati dall’impatto di un meteorite, Sergio escogita insieme a Peter un piano per riportarlo sulla Terra. Purtroppo non sa che Ramiro, fervente investigatore comunista, lo sta tenendo d’occhio da diverso tempo…

https://www.comingsoon.it/film/sergio-e-sergei-il-professore-e-il-cosmonauta/54663/scheda/

,

ZANNA BIANCA
– Sabato 17/11 | Ore 16:00
– Domenica 18/11 | Ore 16:00

Genere animazione, avventura. Diretto da Alexandre Espigares, con Toni Servillo. Durata 85 minuti. Distribuito da Adler Entertainment.

Zanna Bianca, il film diretto da Alexandre Espigares, vede protagonista un lupo con un quarto di sangue di cane. E’ una creatura fiera e coraggiosa, e per questo sarà vittima della crudeltà dell’uomo.
Dopo essere cresciuto nelle terre innevate, meravigliose ma ostili del Grande Nord, viene accolto da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani. Qui viene protetto dalla tribù, ma dovrà farsi accettare dagli altri cani. Purtroppo Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia disponibile e amorevole, che con il suo amore insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico. Una storia di redenzione descritta dal punto di vista dei cani e soprattutto sulla straordinaria forza dell’amore che li lega indissolubilmente all’uomo.

Dal capolavoro di Jack London tradotto in oltre 90 lingue. L’avventura che ha emozionato intere generazioni, per la prima volta in una straordinaria animazione anche in 3D.

https://www.comingsoon.it/film/zanna-bianca/54448/scheda/

Un classico del classico per ragazzi, e la firma di Jack London rivive “animata”

Dopo un’infanzia felice con mamma lupa nelle splendide foreste del selvaggio Nord, il cane lupo Zanna Bianca è adottato da Castoro Grigio e dalla sua tribù di nativi. Con l’inganno, però, il capo indiano è costretto a vendere l’animale a un criminale fino al definitivo salvataggio da parte di una coppia di brave persone che riescono a comprendere la docilità di Zanna Bianca ma anche il suo irrefrenabile richiamo per la nativa wilderness.

Tra i romanzi di formazione e per ragazzi par excellence della letteratura mondiale e in particolare americana, Zanna Bianca ha finalmente trovato la sua versione animata. A pensarci sono stati i francesi, affidando il progetto al lussemburghese Alexandre Espigares, già vincitore di un Oscar per il corto animato Mr Hublot del 2013. Alla base del progetto artistico vi è la tradizione transalpina del cartone animato squisitamente pittorico “contaminata” dalla patina pulita e rassicurante dei più classici fra i cartoon Disney dedicati agli animali, basti pensare a Bambi e a Il Re Leone. Se la bella e “distintiva” notizia risiede nella scelta di non far parlare da umano il noto cane lupo, per quanto riguarda lo sviluppo narrativo, drammaturgico e poetico dell’opera gli elementi di contiguità e continuità rispetto all’asse franco-americana sopra citata sono totali. Il capolavoro per l’infanzia e la pre adolescenza di Jack London è approcciato con la linearità e la fascinazione più adatte alla massima e miglior adesione da parte del suo pubblico, evitando ogni possibile distrazione. In tal senso mancano elementi di rottura con la tradizione che possono in qualche modo scollare questo percorso di meta-classicità voluto dai produttori. Nell’edizione italiana, inoltre, alla fine di far risuonare le parole eterne e universali di Jack London, i “silenzi” della v.o. sono stati “riempiti” dalla voce di Toni Servillo, prestato al ruolo di narratore over.  Le tematiche edificanti di cui il romanzo è portatore vengono dunque esaltate all’ennesima potenza, confluendo in un dispositivo cinematografico/didattico/educativo di indiscutibile consistenza.

,

Ti presento Sofia
– Venerdì 16/11 | Ore 21:15
– Sabato 17/11 | Ore 21:15
– Domenica 18/11 | Ore 20:30

Genere commedia. Diretto da Guido Chiesa, con Fabio De Luigi e Micaela Ramazzotti. Durata 98 minuti. Distribuito da Medusa Film.

Ti presento Sofia, il film diretto da Guido Chiesa, vede protagonisti Gabriele(Fabio De Luigi), Mara (Micaela Ramazzotti) e la piccola Sofia (Caterina Sbaraglia).
Lui è un padre goffo e ossessivo, lei una donna tutta d’un pezzo che non vuole avere figli. La piccola, figlia di lui, cambierà il loro approccio alla vita e li costringerà ad andare oltre i propri limiti.

Gabriele, ex rocker, ora negoziante di strumenti musicali, divorziato, è un papà premuroso e concentrato esclusivamente sulla figlia di 10 anni.
Quando gli amici gli presentano nuove donne, lui non fa che parlare della figlia, azzerando ogni chance.
Un giorno, nella vita di Gabriele ripiomba Mara, un’amica che non vedeva da parecchi anni, che nel frattempo è diventata una dinamica e indipendente fotografa.
Al loro primo appuntamento, proprio sul più bello, Mara rivela a Gabriele che non solo non vuole avere figli, ma detesta i bambini. Travolto dalla passione, Gabriele nega l’esistenza di Sofia.
Da quel momento, le giornate di Gabriele sono un susseguirsi di assurde manovre per nascondere la presenza della figlia a Mara e viceversa, al punto da trasformare ogni volta il proprio appartamento in funzione di quale delle due andrà a trovarlo. Ovviamente, le bugie hanno le gambe corte e la messinscena di Gabriele avrà vita breve.

https://www.comingsoon.it/film/ti-presento-sofia/54534/scheda/

Quando i bambini sono più maturi degli adulti

Recensione FilmCronache

,

TITO E GLI ALIENI
– Martedì 13/11 | Ore 21:15

Genere commedia, fantascienza. Diretto da Paola Randi, con Valerio Mastandrea e Clémence Poésy. Durata 92 minuti. Distribuito da Lucky Red.

Tito e gli alieni, il film diretto da Paola Randi, è una commedia che parla di un Professore (Valerio Mastandrea), per l’esattezza uno scienziato napoletano, che vive isolato dal mondo in una casa mobile nel deserto del Nevada, accanto all’Area 51. Mentre dovrebbe lavorare a un progetto segreto per il governo degli Stati Uniti, non fa altro che passare le sue giornate sul divano ad ascoltare il suono dello spazio.
Una vita piatta e monotona, segnata dalla morte della moglie, la cui voce spera ancora di captare. Il suo unico contatto con il mondo esterno, nonché unica fonte di brio all’interno della sua vita, è Stella (Clemence Poesy), una giovane wedding planner che organizza matrimoni per i turisti a caccia di alieni.
La sua esistenza solitaria viene sconvolta dall’arrivo dei due nipoti da Napoli: Anita (Chiara Stella Riccio) di 16 anni e Tito (Luca Esposito) di 7, che il fratello Fidel (Gianfelice Imparato) gli ha affidato prima di morire. Sconvolto dalla notizia della scomparsa di Fidel, il Professore è pronto ad accoglierli e si attrezza, letteralmente, come meglio riesce. Il problema è che i due ragazzini erano convinti di trasferirsi a Las Vegas, e invece si ritrovano in mezzo al nulla, in balia di uno zio sconclusionato e depresso, in un luogo misterioso in cui si dice vivano gli alieni.

Commissione Nazionale Valutazione Film CEI

Da quando ha perso la moglie, il personaggio chiamato “il professore” vive isolato dal resto del mondo nel deserto del Nevada accanto all’Area 51. Inaspettata lo sorprende la comunicazione che molto presto arriveranno a vivere con lui Anita, 16 anni, e Tito 7 anni, figli del suo fratello Fidel che sta morendo…

Valutazione Pastorale

Da questo prologo, come si capisce pieno di inciampi e difficoltà, prende il via un racconto che batte i terreni poco frequentati della fantascienza e della fiaba. Che il fantasy sia un genere abbastanza trascurato dal cinema italiano è affermazione facile e forse scontata. Che, al di là di facili riferimenti ad alieni e mostri spaziali, esista la possibilità di affrontare l’argomento con angolature e prospettive nuove lo dimostra proprio questo film che mette insieme realtà e sogno, finzione e problemi quotidiani, utopia e speranza con un equilibrio narrativo mirabile e sorprendente. Merito va alla sceneggiatura di Paola Randi, che ha dichiarato di aver sopportato perdite importanti in seguito alle quali si è posta la domanda: come facciamo ad affrontare la paura della morte e del dolore? Un interrogativo forte che Randi, anche regista ha affidato ad una storia fatta di luoghi veri e insieme fantastici, di sentimenti autentici e altri immaginati in un alternarsi di scossoni emotivi in grado di cambiare il carattere delle persone. Così tra il professore, i due nipotini ‘trovati’, la inafferrabile Stella e il desolato paesaggio circostante scatta una coraggiosa gara fatta di rinunce, di scommesse, di provocazioni: in primo luogo forse la necessità da parte del ‘Professore’ di ‘inventarsi’ il ruolo di padre per due ragazzini/adolescenti (16 anni lei, 7 anni lui), un ruolo costruito giorno per giorno di fronte a necessità e bisogni imprevedibili. Nelle pieghe del racconto, nei suoi suggestivi scarti narrativi si fa strada la sensazione che la vicenda, per quanto piccola, abitata da gente sospesa, sperduta in un luoghi immensi, finisca con il crescere fino a sfiorare la bellezza del poema, la rabbia e la capacità di toccare i temi di un’umanità pronta a riscattarsi e a non cedere al peggio dell’esistente. Si tratta di un film anomalo, attraversato da una poesia nascosta e malinconica, ben interpretato e ben realizzato. Cosicchè sembra perfino ingeneroso definirlo un film ‘piccolo’. L’idea di fuggire, di abitare altri mondi non è forse da sempre una delle molle che ispirano letteratura e cinema? Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, poetico e adatto per dibattiti. Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in molte successive occasioni come prodotto italiano originale di bella e intensa fattura.

,

LO SCHIACCIANOCI E I 4 REGNI
– Sabato 10/11 | Ore 16:00 e 21:15
– Domenica 11/11 | Ore 16:00 e 20:30

Genere avventura, family, fantasy. Diretto da Lasse Hallström, Joe Johnston, con Keira Knightley e Morgan Freeman. Durata 100 minuti. Distribuito da Walt Disney Pictures.

Nuova, incantevole versione dello Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni mescola il racconto fantastico scritto da E.T.A.Hoffmann nel 1816 e il gioioso balletto natalizio musicato da Čajkovskij quasi un secolo dopo.
Il padrino Drosselmeyer (Morgan Freeman) è il più vecchio e fidato amico del signor Stahlbaum (Matthew Macfadyen). Così, come ogni vigilia di Natale, il ricco uomo d’affari e sua figlia Clara (Mackenzie Foy) si riuniscono con gli altri ospiti nel grande salone di casa Drosselmeyer, per partecipare alla magnifica festa che il giocattolaio indice tutti gli anni. Durante i consueti festeggiamenti però, avviene un fatto insolito: seguendo per gioco un filo dorato che attraversa i corridoi dell’immensa magione, la giovane Clara viene condotta in un mondo magico e sconosciuto, diviso in quattro reami incantati. Scortata dal valoroso soldato Philip e da una banda di arzilli topini, la bambina attraversa i paesaggi imbiancati del Paese dei fiocchi di neve, le terre variopinte del Paese dei fiori e infine i villaggi “commestibili” del Paese dei dolci. Incontra nuovi amici e preziosi alleati, tra i quali la sdolcinata Fata Confetto (Keira Knightley), e viene a conoscenza di una missione che solo lei può portare a termine: infiltrarsi nell’ostile quarto reame, dimora della perfida Madre Ginger (Helen Mirren) e recuperare un’antica chiave in grado di sbloccare un misterioso cofanetto.

Una fiaba coinvolgente per ogni età

Uscito in quello che ormai è chiamato il weekend di Halloween tra molti altri film spaventevoli e deludenti
per trama e interpretazione, Lo schiaccianoci e i quattro regni (Stati Uniti, 2018) è risultato, con un tema già
molto natalizio, il vero vincitore al botteghino. Zucche vuote, fantasmi e scheletrini non hanno avuto la
meglio sulla vecchia fiaba tedesca resa celebre in tutto il mondo dal genio musicale e coreografico di
Čajkovskij. Merito di certo della Walt Disney Pictures Company che ancora una volta ha dimostrato la
propria indiscussa capacità di reinterpretare i grandi classici della letteratura europea coniugando la fedeltà
all’originale con l’innovazione e la fantasia necessarie per appassionare le nuove generazioni e un pubblico
quanto più generalista possibile. Alla fine, davvero nessuno resta deluso o annoiato grazie ad un film che,
pur ricco di citazioni e rimandi culturali e cinematografici anche molto raffinati, sa coinvolgere gli spettatori
di ogni età grazie ad un ritmo brioso e una sceneggiatura ricchissima ed estrosa.
La storia ricalca sostanzialmente il racconto pubblicato nel 1816 da Theodor Hoffman e prende inizio in
quella che per Clara e la sua famiglia è una vigilia di Natale davvero triste e malinconica a causa della
recente morte della mamma. Il dono di un misterioso carillon e la ricerca della chiave per farlo funzionare
conducono Clara in un mondo fantastico, fatto di giocattoli animati, fiori, dolci e paesaggi incantati in cui la
fanciulla potrà comprendere meglio la vita con le sue lotte e i suoi dissidi, ma anche scoprire chi era
veramente sua madre e ritrovare infine sé stessa e il rapporto con il resto della sua famiglia.
La Disney ha scelto di mantenere per la colonna sonora le musiche di Čajkovskij inserendo nella trama del
film anche una scena dal celebre balletto che, nella resa cinematografica, appare come una citazione del
classico Fantasia del 1940. Ma in tutto questo Lo Schiaccianoci e i quattro regni appare debitore di altri
celebri film Disney: l’esterno urbano di una Londra ottocentesca e innevata alla vigilia di Natale è un chiaro
rimando al Christmas Carol (2009) tratto da Dickens; l’ingresso di Clara nel magico mondo dei quattro regni
fa pensare spontaneamente ad Alice in Wonderland (2010); nel castello dei quattro reggenti ci si aspetta
infine quasi un’apparizione del mago di Oz. Tutto contribuisce a far entrare lo spettatore in un mondo
fantastico e senza tempo, ma non per questo alieno dalle gioie, dalle fatiche, dai sentimenti e dalle paure
della vita di ogni giorno.
Degni di nota sono certamente infine il cast e i ricchi costumi del film. Tra i principali interpreti spiccano
Morgan Freeman nella parte del padrino Drosselmeyer, Helen Mirren nei panni di Madre Cicogna, Keira
Kinghtley in quelli di Fata Confetto. Bravi e spontanei i due giovani protagonisti: Clara e il capitano
Schiaccianoci, interpretato quest’ultimo da un giovane attore di colore, segno di un passo in avanti anche
nel cinema verso una sensibilità più protesa all’integrazione e alla multiculturalità. Davvero raffinati e di
effetto i costumi indossati dai diversi personaggi, all’altezza di un classico del balletto che continua ad
essere rappresentato nei più celebri teatri d’opera di tutto il mondo facendo sognare sempre nuove
generazioni di spettatori.