, ,

AL MASSIMO RIBASSO
Domenica 02/09 | Ore 20:30

Incontro con il cast  (Ore 20:30) e Proiezione (Ore 21:15)

Ingresso 5 € – Comprensivo di tutti gli eventi della Domenica
(Admo Bici Tour, Incontro con Davide Ferrario, Aperitivo e proiezione di “Al Massimo Ribasso”)

Regia di Riccardo Jacopino. Un film con Matteo Carlomagno, Viola Sartoretto, Alberto Barbi, Stefano Dell’Accio, Francesco Giorda. Genere Drammatico. Durata 100 minuti. Distribuito da Slow Cinema srl.

Incontro in sala con il cast: Tito Ammirati presidente della cooperativa Arcobaleno produttrice del film, co-sceneggiatore Manolo Elia, attori del cast: Stefano dell’Accio, Alberto Barbi e Viola Sartoretto

Diego è un uomo di mezza età che lavora all’ombra di una società mafiosa torinese: grazie alle sue potenzialità riesce a garantire sempre la loro vittoria nelle gare d’appalto guadagnandosi, con soldi sporchi, da vivere. Nasconde un segreto: è capace di leggere nel pensiero. Solo così, infatti, riesce a fornire sempre la cifra esatta a cui varie società edilizie propongono il prezzo del loro lavoro, in modo tale da consentire ai suoi superiori la proposta di un massimo ribasso. D’altra parte, però, l’estenuante pressione che prova quotidianamente sentendo i pensieri di tutti coloro che lo circondano, lo portano ad un punto di rottura: l’incontro con un fisico, poi, lo aiuta a capire che la sua speciale condizione è irreversibile. O si rassegna al suo potere, o può tentare di sottoporsi a continui esami clinici diventando, così, una cavia. Non si allontanerebbe poi molto dalla situazione attuale: inserito, ormai, in un circolo vizioso, quale potrà essere il suo destino?

“Proprio come un gatto randagio, che dimostra la sua presenza solo svuotando quotidianamente la ciotola dei croccantini, così funziona la mafia: muovendosi nell’ombra, stando attenta a non fare alcun rumore, studia inosservata il momento opportuno per attaccare.”

Sullo sfondo di una Torino buia e irriconoscibile, ritratta nei suoi angoli più trasandati, il film si fa portavoce di un problema attuale particolarmente diffuso ma poco discusso, soprattutto nella cinematografia italiana: il collasso di molte piccole o medie imprese edilizie per mano della malavita che, rinunciando a qualsiasi etica, è in grado di vincere gare d’appalto conquistando il mercato.

Diego si è inserito, non si sa come, in questo meccanismo e ne diventa parte integrante. È l’antieroe per eccellenza: subentrato in un vortice di clandestinità ha, in fondo, un animo buono e cerca di espiare le colpe di un passato di cui conosciamo solo degli accenni. Il suo superpotere, leggere nel pensiero, in molte occasioni gli è di grande aiuto ma, intanto, lo logora dall’interno. “Che ne sai tu del pensiero?”, chiede ad un giocatore online; e lo chiede anche a noi che, nonostante le potenzialità di un mezzo (il cinema) che potrebbe permetterci di capire cosa passi nella sua mente, siamo costretti a rimanere fuori dalla sua testa. Non a caso Diego ha lo sguardo spesso rivolto verso il basso, il viso oscurato da ombre nette e vediamo molti primi piani della sua nuca: fino alla fine, non ci è permesso capire il motivo dei suoi gesti.

, ,

“SCHERMA, SCHERMO” con DAVIDE FERRARIO
Domenica 02/09 | Ore 18:00

Presentazione del libro “SCHERMA, SCHERMO” con DAVIDE FERRARIO

Ingresso 5 € – Comprensivo di tutti gli eventi della Domenica
(Admo Bici Tour, Incontro con Davide Ferrario, Aperitivo e proiezione di “Al Massimo Ribasso”)

“La scherma è un modo di vivere. Ecco perché se mi chiedete qual è stata l’esperienza fondante della mia vita vi rispondo la scherma, e solo in seconda battuta il cinema”. Davide Ferrario racconta la scherma come farebbe un film, partendo da un primissimo piano su un atleta fermo in pedana per poi allargare l’inquadratura, andando avanti e indietro nel tempo: un’arte incontrata da adolescente, un po’ dimenticata per i casi della vita, ma poi meravigliosamente riscoperta e mai più abbandonata.
Sulla pedana si impara a conoscere se stessi, e la maschera, confine tra il “sé” e il mondo, è una porta che si apre e si chiude su un’altra dimensione, qualcosa che ha a che fare col “chiudere il mondo fuori”.

Esattamente quello che succede quando si spengono le luci in sala: si entra in un mondo di ombre, riflessi e silenzi, e ci si prepara a incontrare qualcosa che sta “di là”.
Un combattimento è come un film di cui si è allo stesso tempo attori, registi e spettatori.
Sarà un caso che di un film che ci emoziona diciamo che è un film “toccante”?

 

 

, ,

ADMO BICI TOUR
Domenica 02/09 | Ore 17:00

Ingresso 5 € – Comprensivo di tutti gli eventi della Domenica
(Admo Bici Tour, Incontro con Davide Ferrario, Aperitivo e proiezione di “Al Massimo Ribasso”)

L’Associazione Donatori Midollo Osseo è nata nel 1990 con lo scopo principale di informare la popolazione italiana sulla possibilità di combattere, attraverso la donazione e il trapianto di midollo osseo, le leucemie, i linfomi, il mieloma e altre neoplasie del sangue.

Verrà presentato il documentario “ADMO Bici Tour” un viaggio in solitaria di 1300 Km da LaPaz a Salta. Attraverso i salar, il deserto boliviano, San Pedro de Atacama in Cile e la valle di Humahuaca in Argentina. Sarà presente Massimo Bourcet con la bici usata nel viaggio.

, ,

ULYSSES – A DARK ODYSSEY
Venerdì 31/08 | Ore 21:15
Sabato 01/09 | Ore 21:15

ULYSSES – A DARK ODYSSEY

Venerdì 31 Agosto | Ingresso 5 € – Comprensivo di Incontro con il cast  (Ore 20:30) e Proiezione (Ore 21:15)

Sabato 1 Settembre | Ingresso 5 € – Comprensivo di Aperitivo (Ore 19:00), Letture sull’Odissea (Ore 20:00) e Proiezione (Ore 21:15)

Genere azione, drammatico. Diretto da Federico Alotto, con Andrea Zirio e Anamaria Marinca. Durata 110 minuti. Distribuito da Adrama.

Nella distopica Taurus City, corrotta dal dominio del potente Michael Ocean (Danny Glover), un militare soprannominato Ulysses (Andrea Zirio) rientra dal fronte, segnato nel corpo e nell’anima dalla guerra. Dopo sette anni è riuscito a tornare a casa, dove scopre che sua moglie Penelope (Anamaria Marinca) è scomparsa. Grazie all’aiuto di Niko (Drew Kenney), fedele compagno d’armi, intraprende la sua personale Odissea alla ricerca della donna. I due incontreranno figure inquietanti e surreali: il kebabbaro Pòpov (Stewart Arnold), il “dio dei venti” Aeo (Giovanni Mancaruso), l’enigmatica e bellissima transessuale Hermes (Mario Acampa), l’affascinante maitresse Cici (Sigal Diamant), The Seer (Skin), l’oracolo che aiuterà Ulysses a ricordare il suo passato, la seducente Kaly (Charlotte Kirk) e il tormentato Alcyde (Udo Kier) che aiuterà il protagonista a raggiungere la sua meta. Ognuno di questi personaggi restituirà a Ulysses, nel bene e nel male, un pezzo della sua storia.

 

Letture sull’Odissea, un percorso fra letteratura, arte e musica
con i proff. Valter Alovisio, Carla Mattioli e Sergio Rapetti

Ci sono due modi per viaggiare: uno è girare per il mondo, l’altro è stare fermi, seduti a un tavolo con gli occhi umidi, ascoltando il magma dell’Odissea che abbiamo dentro.
La Prof.ssa Carla Mattioli, e i Prof. Sergio Rapetti e Valter Alovisio, ex docenti di Storia della Letteratura italiana al “B. PASCAL” di Giaveno, con tre specifici interventi artistico-letterari, s’intratterranno col pubblico sui temi dell’Odissea e sulla figura letteraria di Ulisse.
Il peso più grande è viaggiare con sé stessi, spesso è un peso “insostenibile”. Bisogna ricordare che se il viaggiatore solo è quello che arriva più lontano, è anche quello che ha più strada da fare per tornare indietro. Ammesso che voglia ritornare.  Per questo bisogna affidarsi alla strada, al cammino. Il vero viaggio è quello che ti viene regalato dalla vita, l’imprevisto, che ti permette di conoscere qualcosa di te. Il vero regalo del viaggio sono le persone che decidono di regalarci quello che sono.
In viaggio si scopre il tempo del sacro, che è il tempo dell’inizio, quello che viene dopo il Chaos.

,

Venerdì 16/03 | Ore 20:30

GIAVENO PREMIA I CAMPIONI DELLO SPORT

Venerdì 16 marzo alle 20,30 la Città di Giaveno premia gli atleti che nel 2017 si sono particolarmente distinti in diverse discipline.
Una trentina i prescelti, sulla base delle indicazioni delle società e associazioni sportive e dei risultati conosciuti dall’amministrazione.
Sette i gruppi sportivi giavenesi rappresentati e tre quelli di altre realtà territoriali.
Due rappresentanti nazionali. Dagli 8 ai 55 anni le età degli atleti.

Questi i numeri di una festa che intende premiare la dedizione, la costanza, l’impegno che gli allenamenti per raggiungere importanti risultati richiedono.

“Un momento di incontro con la cittadinanza sui valori dello sport. Mente sana in corpo sano non è soltanto un detto dei latini, ma è una realtà dimostrata scientificamente: muoversi fa bene, è prevenzione e benessere”, afferma il Sindaco Carlo Giacone.

“Abbiamo in previsione interventi sugli impianti sportivi: lo sport fa crescere bene, in tutti i sensi, e come amministrazione continueremo sempre a sostenerlo”, aggiunge il Consigliere delegato Andrea Scalia.