Rassegna d’Essai

Proponiamo al nostro affezionato pubblico una raccolta dei film che più di altri hanno raccolto consensi nei festival cinematografici internazionali, suscitando interesse tra gli spettatori.

Ricordiamo che gli spettacoli sono proiettati il Martedì alle ore 21:15 e il Giovedì alle ore 17:30 – Ingresso 4 € per tutti!

Non è previsto nessun abbonamento, ma puoi richiedere la tessera fedeltà, che è valida tutti i giorni: ogni 15 film, 1 in omaggio!

Di seguito troverete il programma in corso dei nostri 3 cicli d’essai:

– Inverno d’Essai (Gennaio-Marzo)

– Primavera d’Essai (Aprile-Giugno)

– Autunno d’essai (Ottobre-Dicembre)

Rassegna Essai Inverno 2019

,

NON CI RESTA CHE VINCERE
– MARTEDI 19/02 | ORE 21:15
– GIOVEDI 21/02 | ORE 17:30

Non ci resta che vincere è un film di genere commedia, drammatico del 2018, diretto da Javier Fesser, con Javier Gutiérrez e Juan Margallo. Durata 124 minuti. Distribuito da Bim in collaborazione con Movies Inspired.

Non ci resta che vincere, il film diretto da Javier Fesser, segue la storia di Marco (Javier Gutiérrez) allenatore di una squadra di basket professionista di alto livello. Sorpreso alla guida in stato di ebrezza viene condannato a una pena d’interesse generale. Per ordine del giudice deve quindi organizzare una squadra di basket composta da persone con un deficit mentale. Ciò che era cominciato come una pena si trasforma in una lezione di vita sui pregiudizi sulla normalità. Tutti i giocatori della squadra di basket sono interpretati da attori disabili.

Marco è l’allenatore in seconda di una squadra di basket spagnola di alto livello. Arrogante e impulsivo, viene licenziato per aver litigato con l’allenatore capo durante una partita e, dopo essere stato sorpreso al volante in stato di ebbrezza e aver causato un incidente, viene condannato in tribunale a nove mesi di servizi sociali, che consistono nell’allenare la squadra di pallacanestro “Los Amigos”, composta da giocatori disabili tutt’altro che professionisti…

Un morality play tanto elementare nella descrizione delle vicende quanto efficace nella veicolazione del messaggio che reca in sé. Un messaggio, quello decoubertinianamente inteso come “l’importante è partecipare”, che sembrerebbe contraddire il titolo italiano del film di Javier Fesser, ma che anche nell’edizione originale (Campeones) contiene quello stimolo, sportivo e umano, non solo a “fare”, nel basket come nella vita, ma anche a “fare (del) bene”. Interpretato nel ruolo degli improbabili cestisti da veri disabili, dunque operazione di finzione prelevata direttamente dalla realtà, Non ci resta che vincere, nella sua programmatica coniugazione degli opposti (l’allenatore di grido, in crisi con sé stesso e a pezzi nella vita sentimentale, e il suo team di dilettanti allo sbaraglio, “grado zero” della società ma capaci di far aprire gli occhi e ossigenare le coscienze), non esce mai dal registro comunicativo che si è scelto di dare, scivolando via come acqua fresca, con piccole, esemplari lezioni di vita a far sorridere e commuovere. Come superare il timore di una doccia o la paura di salire in ascensore.

Intenzionato, fin dalle prime sequenze, a ribaltare i confini tra normalità e anormalità e a rimettere in discussione ogni pregiudizio sull’handicapNon ci resta che vincere, campione d’incassi in Spagna con quasi 19 milioni di euro rastrellati al box office, procede spedito verso un happy end inevitabile, come in ogni favola che si rispetti, ma sincero e genuino. Un finale tonificante, maturato in due ore di proiezione grazie ad una sgangherata armata Brancaleone per la quale davvero non si può non tifare. Anche quando la sceneggiatura mette il pilota automatico.

,

COLD WAR
– MARTEDI 12/02 | ORE 21:15
– GIOVEDI 14/02 | ORE 17:30

Cold War è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Pawel Pawlikowski, con Tomasz Kot e Agata Kulesza. Durata 88 minuti. Distribuito da Lucky Red.

Cold War, il film diretto da Pawel Pawlikowski, è un’appassionata storia d’amore tra un uomo e una donna che si incontrano nella Polonia del dopoguerra ridotta in macerie. Provenendo da ambienti diversi e avendo temperamenti opposti, il loro rapporto è complicato, eppure sono fatalmente destinati ad appartenersi.
Negli anni ’50, durante la Guerra Fredda, in Polonia, a Berlino, in Yugoslavia e a Parigi, la coppia si separa più volte per ragioni politiche, per difetti caratteriali o solo per sfortunate coincidenze: una storia d’amore impossibile in un’epoca difficile.

,

RED LAND (ROSSO ISTRIA)
– MARTEDI 05/02 | ORE 21:15, intro con il Sindaco di Giaveno alle ore 20:45

Red Land (Rosso Istria) è un film di genere drammatico, storico del 2018, diretto da Maximiliano Hernando Bruno, con Selene Gandini e Geraldine Chaplin. Durata 150 minuti. Distribuito da Whale Pictures.

Red Land (Rosso Istria), il film diretto da Maximiliano Hernando Bruno, è ambientato nel settembre del 1943, nei giorni in cui nei territori italiani martoriati dalla guerra scoppia il caos: il maresciallo Badoglio, capo del governo italiano, chiede ed ottiene l’armistizio da parte degli anglo–americani e unitamente al Re fugge da Roma, lasciando l’Italia allo sbando. L’esercito non sa più chi è il nemico e chi l’alleato. Il dramma si trasforma in tragedia per i soldati abbandonati a se stessi nei teatri di guerra ma anche e soprattutto per le popolazioni civili Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate, che si trovano ad affrontare un nuovo nemico: i partigiani di Tito che avanzano in quelle terre, spinti da una furia anti-italiana. In questo drammatico contesto storico, avrà risalto la figura di Norma Cossetto(Selene Gandini), giovane studentessa istriana, laureanda all’Università di Padova, barbaramente violentata e uccisa dai partigiani titini, per la sola colpa di essere Italiana. A Norma Cossetto venne conferita la medaglia d’oro al valor civile dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi. Una targa in suo ricordo è presente all’interno del Palazzo Bò dell’Università di Padova.

https://www.comingsoon.it/film/red-land-rosso-istria/55596/scheda/