,

Sabato 25/11 | Ore 21:00
Domenica 26/11 | Ore 21:00

THE PLACE

DATA USCITA: 09 novembre 2017; GENERE: Drammatico, Fantasy; REGIA: Paolo Genovese
ATTORI: Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Silvia D’amico, Vinicio Marchioni, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli, Giulia Lazzarini
PAESE: Italia; DURATA: 105 Min; DISTRIBUZIONE: Medusa Film

Ispirato alla serie tv americana “The Booth at the End”, The Place, il nuovo film di Paolo Genovese, volge lo sguardo su un misterioso protagonista, ospite abituale a abitudinario di un locale dove se ne sta seduto, giorno e notte, al tavolo in fondo. Chi è quell’uomo? Non è importante. Al suo tavolo riceve dei visitatori. Ognuno di loro ha un desiderio, un desiderio profondo, un desiderio difficile da realizzare, se non impossibile. L’uomo misterioso è pronto a esaudire le loro richieste in cambio di alcuni “compiti” da svolgere. Quanto saranno disposti a spingersi oltre i protagonisti per realizzare i loro desideri? Chi di loro accetterà la sfida lanciata dall’enigmatico individuo, per il quale tutto sembra possibile?
A sedersi di volta in volta davanti al personaggio interpretato da Valerio Mastandrea, troviamo quelli interpretati da Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Silvia D’Amico, Vinicio Marchioni, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli e Giulia Lazzarini.

Le infinite fragilità della natura umana.

Un misterioso uomo siede sempre allo stesso tavolo al fondo di un bar, dal mattino alla sera, intento a prendere appunti su un grosso quaderno di pelle nera e pronto a esaudire ogni desiderio di abituali visitatori in cambio di compiti da far loro svolgere, talvolta proibitivi sul piano pratico, spesso moralmente aberranti. Fino a che punto questi individui saranno disposti a spingersi per veder realizzati i loro desideri?

 

Un perno narrativo (il patto mefistofelico) di evidente derivazione faustiana. Un doloroso, variegato cahier de doléance (le sofferenze che spingono a desideri inconfessabili) ad incastro progressivo. Il caos esistenziale (il “diritto alla felicità” della società contemporanea) racchiuso in un metaforico (anti)purgatorio, al cospetto di una volontà superiore.

Non c’è dubbio che The Place, il nuovo film di Paolo Genovese, ispirato alla serie tv americana The Booth at the End, sia alimentato da un’ambiziosa corrente filosofico-antropologica. I nove individui che, alternandosi in un continuo via vai, chiedono aiuto al loro misterioso interlocutore, sedendogli di fronte, sono anime fragili, che The Place vorrebbe mettere a nudo nelle loro carenze e ossessioni: dal padre con bambino malato di cancro al meccanico invaghito di una starlette, dal poliziotto fallito all’anziana che chiede di far regredire l’Alzheimer del marito, dalla giovane suora che vorrebbe ritrovare Dio al cieco che vorrebbe ritrovare la vista, tutti (compresi una moglie che intende far ingelosire il marito, una ragazza che aspira alla bellezza assoluta e il figlio delinquente del poliziotto) accettano di sedersi su una sedia vuota che si fa sede di verifica etica e morale.

Il problema di The Place, però, è nell’artificialità della messa in scena, che fa ristagnare il film in una “bolla” che ingloba, facendoli evaporare, le alte intenzioni e gli estenuanti dialoghi. Un lungometraggio “atono”, quello di Genovese, che autoconfinandosi nella rigidità del campo/controcampo e nella ripetitività delle inquadrature esterne al bar, in una ciclica reiterazione dello stesso schema, si imprigiona in una staticità logistica e diegetica certamente voluta ma davvero sterile nella sua programmaticità. Scivolando solamente sulle ferite intime che introduce, lasciandole sempre lontane dagli occhi dello spettatore anziché penetrarvi dentro, come sarebbe invece necessario, The Place allinea senza un vero perché perfidie e arrendevolezze, sarcasmi e disincanti, riducendo la sua assurda giostra degli affanni in un esercizio di pura campionatura delle debolezze umane.

,

Martedì 21/11 | Ore 21:00
SALONE DI SPAGHETTOPOLI
INGRESSO GRATUITO

CINEMA ED ECOLOGIA

RASSEGNA “ALLE RADICI DELLA VITA”

3° Appuntamento Conclusivo

 

 

I professori Quirico e Cane dell’Istituto Blaise Pascal di Giaveno ci guideranno in un dibattito aperto a tutti. Dai linguaggi del cinema alle problematiche presenti e future, seguendo l’invito dell’enciclica di Papa Francesco: “Laudato Sii”. Modera Erika Dematteis.

,

Sabato 18/11 | Ore 21:00
Domenica 19/11 | Ore 16:00 e 21:00

PADDINGTON 2

REGIA Paul King, DURATA 95 min

Ufficialmente trasferitosi nella mansarda di casa Brown a Windsor Gardens, Paddington (anche questa volta la voce italiana è quella di Francesco Mandelli) è diventato davvero popolare nel quartiere. E la notorietà dell’orso è destinata a crescere nel secondo capitolo delle sue avventure, Paddington 2.
In cerca del regalo perfetto per il centenario di zia Lucy, l’orsa che lo ha amorevolmente allevato nel “profondo e misterioso Perù”, l’orsetto ghiotto di marmellata si imbatte in un incantevole libro pop up, un esemplare unico scovato tra le meraviglie del negozietto di antiquariato del signor Gruber (Jim Broadbent). A corto di denaro, Paddington si rimbocca le maniche del cappottino blu, tira su la visiera floscia del cappello rosso e si cimenta in una serie di strambi lavoretti per racimolare la cifra necessaria. Ma quando il preziosissimo oggetto viene trafugato, tocca a Paddington e ai temerari componenti della famiglia Brown, capitanati da papà Henry (Hugh Bonneville) e mamma Mary (Sally Hawkins), acciuffare il ladro. I sospetti ricadono sull’attore narcisista Phoenix Buchanan (Hugh Grant).

Le nuove avventure dell’orso “londinese” uscito dalla penna di Michael Bond.

Zia Lucy compie 100 anni e Paddington non può scordarsi dell’amore che la vecchia orsa gli ha riservato da sempre, trovandolo e adottandolo da cucciolo. Decide pertanto di regalarle un antico libro pop- up con illustrazioni di Londra, la città che Zia Lucy ha sempre voluto visitare e dove ora Paddington vive. L’orsetto però non sa che quell’oggetto è desiderato anche da un famoso e malvagio attore che – nottetempo – lo ruba dal negozio di antiquariato dove è in vendita. Paddington e la famiglia Brown escogiteranno mille peripezie per ritrovare il libro e ristabilire l’ordine perduto.

Inevitabile sequel di un ricco botteghino (quasi 5milioni di euro, solo in Italia), Paddington 2 conferma la regia di Paul King e il cast principale aggiungendo alcuni grandi nomi dallo star system britannico, ovvero Hugh Grant e Brendan Gleeson in versione autoironica, a significare lo status elevatissimo al quale questa commedia-family-fantasy è considerata. D’altra parte in virtù della pregiata penna del compianto Michael Bond (da pochi mesi scomparso) era plausibile che il franchise proseguisse ad alti livelli. Se dunque il registro narrativo si mantiene sulla linearità del romanzo classico, con piacevoli incursioni nello humor britannico per ovvia appartenenza culturale (la città di Londra è celebrata come non mai..), l’approccio visivo riesce persino a migliorare rispetto al primo capitolo, osando alcune soluzioni scenografiche di buon effetto. Valori famigliari, onestà di comportamento, leggerezza di spirito e bontà d’animo (Paddington è per antonomasia l’orso capace di tirar fuori il meglio da ciascuno) restano al centro della tematizzazione di un film di ottima fattura e di piacevole fruizione “formato famiglia”.

,

Venerdì 17/11 | Ore 21:00 – INGRESSO LIBERO

Venerdì 17 novembre, alle ore 21, presso il Cinema Teatro San Lorenzo di Giaveno, in via Ospedale, 8, Paolo Crepet psichiatra, scrittore e sociologo italiano incontrerà il pubblico in una serata dal titolo “Conosciamo davvero i nostri ragazzi ?”.

L’iniziativa,  organizzata  dall’Istituto Maria Ausiliatrice, in collaborazione con Agesc Giaveno e patrocinata dalla Città di Giaveno  su proposta degli Assessorati  alla Scuola e Attività Educative  e alle Politiche Sociali ha lo scopo di approfondire il rapporto genitori/figli attraverso l’intervento del noto psichiatra e sociologo.

,

Martedì D’Essai 14/11 | Ore 21:00
INGRESSO GRATUITO

L’ECONOMIA DELLA FELICITA’

RASSEGNA “ALLE RADICI DELLA VITA”

2° Appuntamento

 

 

Helena  Norberg-Hodge ci elenca otto scomode verità sulla globalizzazione. Qualche fotogramma che definisce lo stato di salute della civiltà occidentale e poi l’elenco di cosa non funziona, di come biologicamente e culturalmente, la nostra idea di esistenza si sia tramutata in spirito di sopravvivenza, con pochi slanci di vitalità e tanti momenti di sconforto. Un mercato capitalista che promuove eccessivamente la liberalizzazione del traffico commerciale, senza tenere conto delle diversità di popoli e nazioni, è un sistema che rende infelici. Questo è l’assioma della regista, appassionata attivista ambientale alla ricerca di sguardi autentici sparsi nel mondo, dalla freschezza del ‘piccolo Tibet’ alla confusione delle grandi metropoli americane.
Il viaggio comincia in Ladakh, una delle più alte e abitate regioni dell’Himalaya, dove ogni individuo partecipa e contribuisce al benessere della comunità. Vitali e socievoli, con radici ben piantate in terra, i tibetani che vivono lassù sono felici, si nutrono con i prodotti della loro terra, seguono il ritmo naturale delle cose, apprezzano la ricchezza del silenzio. Ma anche qui, in uno dei luoghi più belli dell’intero pianeta, apparentemente inattaccabile dall’arroganza del mercato globale, si è instaurato un regime occidentalizzato. Non sapevano nemmeno cosa fosse la Coca-cola ma ora lì, come altrove e ovunque, uno dei più prodigiosi simboli americani si è insediato con forza, trasportato con fatica su strade ripide e vertiginose.
Il documentario-manifesto della Norberg-Hodge punta il dito sull’imprenditoria globalizzata e argomenta la questione, portando esempi di piccole culture locali, dove la parola petrolio non si usa più e la definizione di felicità riconquista il suo vero significato. Tra interviste ai luminari del mercato globale (Vandana Shiva su tutti) e il parere della gente comune, si fa strada una soluzione per combattere lo stress di una vita troppo bombardata da messaggi pubblicitari e troppo sotto pressione; le persone capiscono il nesso tra cambiamento climatico, instabilità economica globale e la loro personale sofferenza – stress, solitudine, depressione – e in questa consapevolezza si inserisce la potenzialità di un movimento che potrebbe cambiare il mondo. Scendere al mercato a comprare le verdure piuttosto che dirigersi nel grande centro commerciale fuori città, dotato di comfort e comodità che ci fanno credere indispensabili, è il primo passo per aiutarci a riscoprire le relazioni essenziali sia con il mondo vivente che con i nostri simili.
La catastrofe ambientale ci aspetta e portare l’economia vicino a casa non ci renderà così impermeabili da farci smettere di preoccuparci per il nostro pianeta. Al di là di ogni falsa retorica e al di là del più ingenuo ottimismo,L’economia della felicità racconta puntualmente cosa, di giorno in giorno, tutti – ma soprattutto gli occidentali – potrebbero fare per migliorare il proprio stato di salute e quello degli altri. Una sorta di manuale no-global che fa ben sperare sul nostro futuro.