,

Venerdì 02/01 | Ore 21:00
Sabato 03/02 | Ore 21:00
Domenica 04/02 | Ore 16:00 e 21:00

C’EST LA VIE – PRENDILA COME VIENE

Genere commedia. Diretto da Olivier Nakache, Eric Toledano, con Jean-Pierre Bacri e Gilles Lellouche. Durata 115 minuti. Distribuito da Videa.

Tra catastrofiche gaffes e imprevedibili eventi, una scombinata impresa di catering tenta di regalare una giornata indimenticabile a una coppia di giovani sposi.
Nulla è più importante per Pierre (Benjamin Lavernhe) ed Héléna del giorno del proprio matrimonio! Tutto deve essere magico, bellissimo, impeccabile, a partire dallo sfarzoso ricevimento nel giardino di un magnifico castello poco fuori Parigi, affittato per l’occasione. Presto però, il matrimonio “sobrio ed elegante” che la coppia desidera sfugge al controllo dell’inflessibile Max (Jean-Pierre Bacri), navigato wedding planner, incapace questa volta di tenere a freno i vizi e le eccentricità dell’indisciplinata brigata. Nonostante i rimproveri e gli avvertimenti, lo scoraggiato responsabile del catering non impedisce al fotografo Guy (Jean-Paul Rouve) di chiamare “befana” la mamma dello sposo, né trattiene l’animatore James (Gilles Lellouche) dal roteare il tovagliolo davanti al naso dei testimoni. Può soltanto tapparsi le orecchie in presenza del malinconico valletto Julien (Vincent Macaigne), o dell’irascibile assistente Adèle (Eye Haidara). E non può niente nemmeno contro le pretese dell’impaziente amante Josiane (Suzanne Clément).
Ma è solo quando arriva il cameriere improvvisato Samy, che la commedia degli equivoci diventa una commedia degli equivoci culinari, dove “rombo” o “flute” sono figure geometriche e strumenti musicali, oltre che indiscussi protagonisti della tavola imbandita.
Il film segue i preparativi della festa, attraverso gli occhi dei suoi impotenti organizzatori, i quali, alla fine di una lunga giornata ricca di soprese e colpi di scena non potranno che farsi una bella risata ed esclamare “C’est la vie”.

Una commedia umana metafora della Francia odierna

Due giovani hanno deciso di sposarsi in un magnifico castello poco fuori Parigi, affittato per l’occasione, e per organizzare la festa di matrimonio hanno scelto di affidarsi ad una collaudata équipe di catering guidata dal navigato wedding planner Max. Ma quello che doveva essere un momento sobrio ed elegante, indimenticabile per la coppia di sposi e per i loro invitati, si tramuterà in una lunga giornata ricca di gaffes, colpi di scena e incidenti fuori programma…

Una coralità alla Altman di Gosford Park, ma giocata, qui, più sullo scacco esistenziale che sulla rigidità dei rapporti di classe tra alta borghesia e servitù. E poi, ritmi vorticosi alla Rumori fuori scena, con un benevolo sguardo “dietro le quinte” al gruppo di strampalati camerieri che ricorda da vicino l’empatia verso la sgangherata compagnia di attori nello scoppiettante film di Bogdanovich.

Sono solo due dei tanti, possibili accostamenti cinematografici seguìti, a caldo, alla visione di C’est la vie-Prendila come viene, il nuovo film dei registi di Quasi amici, Eric Toledano e Olivier Nakache, che dopo l’immersione nelle notti buie dei sans papiers in Samba tornano alla commedia di costume, non dimenticando però di immettere nel loro nuovo lungometraggio significativi sottotesti sociali. Provvista di battute spassose e talvolta esilaranti, C’est la vie è una comédie humaine decisamente pimpante ma con retrogusto amaro. È lì, nel contenere slanci e ansie, doveri e ribellioni, splendori e miserie, sintetizzati dall’intero team impegnato a preservare quel “senso della festa” che dà il titolo originale al film, che l’opera di Toledano e Nakache trova una sintesi efficace, alimentata dalla prestazione eccellente di tutti gli interpreti. A cominciare da Jean-Pierre Bacri, boss burbero tra cucine e fornelli, vulnerabile nell’affettività privata.

In questa sovrapposizione di volti, caratteri, parole e canzoni, C’est la vie si pone come un evidente microcosmo della Francia odierna e multietnica, impreparata forse ad affrontare le assillanti sfide della contemporaneità (in primis gli attentati terroristici) ma ancora in grado, come l’affannata équipecapitanata dal solerte Max, di rimboccarsi le maniche, restare unita e guardare avanti, ricominciando quando tutto sembrava perduto. Nel registrare le varie fasi del ricevimento di nozze, dai preparativi alla conclusione, sfiorando la catastrofe a più riprese (i fusibili che saltano, il piatto principale del menù avariato, gli screzi tra l’assistente del capo e l’egocentrico animatore) ma escogitando sempre un valido rimedio ad ogni improvvisa emergenza, C’est la vie trova la via giusta per divertire con intelligenza. E tra un fotografo che si abbuffa di antipasti e un domestico imparruccato che confonde i flute con gli strumenti musicali, Toledano e Nakache prendono idealmente sottobraccio, accompagnandolo fin sui titoli di coda, il malinconico valletto-professore che corregge le storture grammaticali dei suoi scombinati colleghi.